Alla ricerca delle grotte ipogeniche sulfuree

Le grotte raccontano la loro storia attraverso morfologie (forme) e depositi sedimentari e/o mineralogici. Esistono grotte epigeniche (formatesi grazie all'infiltrazione di acqua meteorica superficiale) e grotte ipogeniche (dovute alla risalita di acque profonde e spesso termali) che possono essere caratterizzate solo con l'osservazione dettagliata di forme e depositi.

Negli ultimi decenni le grotte ipogeniche sono state utilizzate come laboratori per la ricerca degli idrocarburi, essendo legate alla risalita di fluidi profondi spesso ricchi di CO2 (anidride carbonica), H2S (acido solfidrico), e CH4 (metano).

In questa presentazione verranno mostrati gli indizi necessari per identificare una grotta ipogenica sulfurea anche in condizioni fossili.

Foto di copertina: Daniel Menin